Inizia il girone di ritorno per i Lancers che si trovano ad affrontare in trasferta il Cali Roma XIII a distanza di una settimana dalle partite di recupero; partite terminate nettamente a favore dei lastrigiani con ben 30 punti segnati e soli 5 subiti.

Già alla vigilia si sapeva che non sarebbero state due gare facili in quanto la formazione romana nel corso della settimana ha ingaggiato due lanciatori partenti di spessore: Florian e Morese, con quest’ultimo che ha vestito la casacca bianco/blu nella stagione scorsa.
Ad oggi questo doppio colpo può cambiare gli equilibri del Girone D in quanto entrambi i pitcher vantano esperienza in categorie quali Serie A2 e A1; Florian ha anche vestito la casacca azzurra della nazionale italiana nel recente passato.

Torniamo da Roma con un pareggio dolce-amaro; come detto sopra con l’arrivo dei due pitcher la formazione romana è apparsa decisamente rinforzata e dopo una trasferta così lunga non era facile mantenere la concentrazione.

Gara 1 termina 7-6 a favore del Cali Roma XIII dopo una lunga battaglia ; partenza sprint dei lastrigiani con il two run homerun di Diaz che spedisce la palla oltre la recinzione di sinistra.
A piccoli passi la formazione romana recupera segnando un punto al secondo, terzo e quarto inning sul partente Perez; pareggio dei Lancers al quinto e importante sorpasso alla settima ripresa che porta gli ospiti avanti 6-3.

Il Cali Roma approfitta di un calo di Perez e qualche incertezza difensiva per pareggiare nella parte bassa dello stesso frangente di gioco.
Il vantaggio definitivo arriva però all’ottava ripresa: con due out ed un uomo in terza base arriva la battuta in diamante che, nonostante un controllo imperfetto, viene prontamente giocata in prima base.
Il battitore viene però chiamato salvo permettendo al compagno di segnare quello che sarà il definitivo 7 a 6 a favore della squadra di casa.

In gara 2 Menoni viene designato come partente, il diamante interno resta invariato con Becattini a ricevere, Baratella in prima, Cano in seconda, Parrini in terza e Diaz interbase.
All’esterno ancora Geri a sinistra e Pasquini al centro, Marashi prende il posto di Repetti a destra e Belnabe sostituisce Ortiz come battitore designato.
Siamo ancora noi a passare avanti al primo attacco con il triplo di Diaz che spinge a punto Parrini, un lancio pazzo fa correre a casa base anche l’interno di origini cubane.

Pronta reazione romana con due punti utili al pareggio al secondo inning, pareggio vanificato dai 3 punti segnati dal lineup lastrigiano per il momentaneo 5-2.
La partita resta in sostanziale equilibrio, il Cali Roma metti in cascina un punto ma i Lancers ne costruiscono altri 2 e con caparbietà difendono ogni attacco romano, anche quando a basi piene una palla forte e radente viene intercettata e trasformata in out dal diamante.

Lo staff si dice comunque soddisfatto dei propri giocatori che hanno espresso buon gioco e massima serietà, le parole di Barbieri: "Purtroppo sempre più spesso la correttezza in campo, nei confronti degli ufficiali di gara e degli avversari, non è ripagata. Ma noi andiamo avanti con il nostro percorso".
Prossimo impegno al vertice con la neo capolista Montefiascone

I Lancers ufficializzano l’arrivo sotto forma di prestito dell'atleta dominicano Perez Silfa Junior che andrà a ricoprire il ruolo di lanciatore partente.
Arriva finalmente la conferma che molti addetti ai lavori aspettavano da tempo, il tassello mancante di un puzzle iniziato mesi fa al termine della stagione scorsa. Perez, conosciuto come “Boyo”, ha scelto di sposare il progetto dei Lancers iniziato con la promozione in Serie B, proseguito nei campionati successivi e che nella stagione 2018 ci ha permesso di competere nelle zone alte della classifica.
 
Lanciatore destro di 31 anni, classe 1987, vanta già al suo attivo un curriculum prestigioso: otto campionati di Serie A2 con eccellenti risultati riscossi con differenti squadre, un campionato di Serie A1 nel 2018 con Padule nel quale ha ottenuto 2 delle 5 vittorie totali della sua squadra.
Dal 2009 al 2012 ha vestito i colori nero/arancio del BSC Arezzo: 31 partite vinte a fronte di 18 sconfitte in oltre 400 inning lanciati, gli strikeout messi a segno sono ben 422.
 
Nel 2014, dopo un anno di stop, il primo passaggio al Padule di Sesto Fiorentino dove ottiene 4 vittorie in quasi 70 riprese lanciate; a Lastra a Signa Boyo ritrova Parrini con il quale ha giocato nel corso di quella stagione. Nei due anni successivi Perez ha tenuto a zero la casella delle sconfitte, nel 2015 con la maglia del Grosseto (4-0, ERA 2,16 e 48 SO) e nel 2016 tornando ad indossare la maglia azzurra del team sestese (6-0, ERA 1,13 e 63 SO).
Con la maglia del Grosseto Perez ha disputato le fasi finali per il titolo di Serie A2 (ex A federale) perdendo però nella finalissima contro Bollate; sconfitta vendicata l’anno successivo vincendo la Supercoppa Italiana ad inizio stagione.
 
È con la neopromossa Fiorentina che disputa il campionato 2017 di Serie A2 lanciando quasi 90 riprese e vincendo 6 partite, una buon annata che però non permette alla squadra gigliata di ottenere l’accesso ai playoff.
 
Il direttore sportivo Ciappi, lo staff tecnico, e la società si dicono molto soddisfatti di quest’ultimo innesto che completa in maniera definitiva la rosa dei Lancers Baseball per la stagione oramai alle porte e ringraziano la società Padule Baseball per la collaborazione.

I Lancers Baseball di Barbieri & Co. riportano bottino pieno dalla trasferta maremmana, in casa dei Red Jack, vincendo entrambi gli incontri; gara 1 termina anticipatamente per 16 a 1 e gara 2 finisce con il risultato di 6 a 2.

Nonostante le molte difficoltà che il team lastrigiano sta incontrando sul proprio cammino, come infortuni e maltempo che non permettono di allenarsi e giocare con continuità e con una formazione “tipo”, la reazione in quest’ultima giornata è stata forte e decisa.

Nella gara del mattino si è visto esplodere l’attacco bianco/blu con numerose valide colpite; tra i mattatori più prolifici segnaliamo con vivo entusiasmo Baratella, rientrato dal grave infortunio al volto accorso poco più di un mese fa.

Sul monte di lancio un intoccabile Degl’Innocenti per sette riprese che ha letteralmente ammutolito le giovani mazze grossetane.

La partita del pomeriggio, minacciata per tutta la durata dal maltempo che circondava il diamante Scarpelli, è stata più combattuta e il lineup lastrigiana ha concretizzato meno sui lanciatori dei Red Jack.

Nei nove inning lanciati dell’incontro pomeridiano, il partente lastrigiano Perez, ha concesso ben poco se non in un inning dove è mancato un po’ il controllo; ritrovata la zona e la lucidità non c’è stato alcun pericolo ed il lanciatore di origini dominicane ha traghettato i compagni verso la quinta vittoria stagionale.

Il primo punto dei Lancers, al primo attacco, è arrivato sul triplo del giovane Pasquini che ha poi corso verso casa base su errore di tiro: arrivato vicino a segnare ma oramai preda facile del catcher con la palla nel guanto, Maor, ha letteralmente schivato la toccata con una mossa degna di un veterano.

Buona prova in battuta che hanno prodotto i restanti cinque punti ed eccellente anche la prova difensiva nonostante il tempo ed il vento freddo non abbiano dato tregua alle due squadre.

Il prossimo impegno dei Lancers è previsto per Domenica 19 sul diamante di Lastra a Signa per un altro derby toscano questa volta con il Livorno Baseball reduce da due ottime vittorie casalinghe con il Cali Roma

I Lancers Baseball si sono assicurati le prestazioni di Maor Pasquini Sweed, giovanissimo giocatore destro che può ricoprire il ruolo di esterno e lanciatore.

L’atleta aretino si è unito al gruppo da alcune settimane per gli allenamenti di preparazione in vista del campionato 2019 e ha già legato con i nuovi compagni ritrovando tra gli altri i colleghi accademisti Menoni e Ferrini.

Maor, classe 2003, non ha ancora compiuto 16 anni ma esprime già doti atletiche e tecniche importanti; lo dimostra anche il suo “curriculum” ricco di esperienze di spessore. Con la maglia della Nazionale ha preso parte a ben due Mundial Hit (categoria Under 12 e Under 15), mentre con la casacca rossa della Selezione Toscana ha disputato il Torneo delle Regioni regolarmente dal 2015 fino all’ultima edizione.

Pasquini ha frequentato l’Accademia FIBS di Tirrena nella stagione 2017/2018 partecipando al consueto Torneo delle Accademie a Barcellona il Marzo scorso; attualmente frequenta l’Accademia Regionale FIBS a Grosseto sotto la guida attenta dell’ex manager della Nazionale Senior Marco Mazzieri.

Lo scorso agosto Maor è stato invitato a partecipare al MLB All Star Cadet Camp a Ratisbona, Germania, dove i migliori under 15 di tutta Europa si sono sottoposti ad una serie di allenamenti sotto lo sguardo attento di tecnici qualificati e scout della Major League Baseball; per il neo-Lancers anche un fuoricampo colpito.

La società Lancers Baseball, nella figura del DS Ciappi, ci tiene a ringraziare il presidente del Parma Baseball Paolo Zbogar per la fattiva collaborazione.

La squadra è quasi al completo e le amichevoli di marzo si avvicinano sempre di più, il programma è pressoché definito e presto verrà reso noto.

Siamo arrivati alla settimana che conduce alla quarta giornata del girone di andata per il Campionato di Serie B 2019, facciamo il punto della situazione in casa Lancers.

 

La prima giornata sul campo di Lastra a Signa contro il Cali Roma è stata rinviata per campo impraticabile, dopo vari lavori per ripristinare il terreno di gioco ed un paio di inning giocati gli ufficiali di gara hanno deciso di non proseguire la partita con l'aumentare delle precipitazioni. La settimana successiva è arrivata la prima trasferta per il team di Barbieri e Co., destinazione Montefiascone, squadra rinforzata durante l’inverno da atleti provenienti dal Viterbo che non disputerà la Serie A2 quest’anno.

Prima trasferta, prima sconfitta ma fortunatamente anche prima vittoria; i Lancieri tornano da Montefiascone con un pareggio fondamentale considerate le importanti assenze, ancora fuori Becattini e Baratella, ed altri giocatori non al 100%. In gara 1 la squadra non è riuscita a reagire ad una partenza poco lucida di Menoni che, ad onor del vero, ha affrontato un lineup in ottima forma e particolarmente fortunato; risultato finale 10 a 1 per i padroni di casa. La seconda partita si è sbloccata a nostro favore sul finale, sostanziale equilibrio tra le due squadre fino a quando le mazze bianco/blu non hanno iniziate a far sentire la propria forza rispondendo ai due punti della squadra laziale e segnandone altri negli inning successivi; risultato finale 3 a 12 per i Lancers.

Il fine settimana appena terminato ha condotto i Lancers ad affrontare la Catalana di Alghero in quella che viene considerata la trasferta più difficile della stagione, in termini di avversari e logistica.

In questi ultimi anni la squadra sarda, avversari ai tempi della Serie C, si è rinforzata sul monte con i fratelli D’Amico, Yovani e Leonardo, vecchie conoscenze dell’IBL e della Nazionale Italiana.

La situazione della squadra non è migliorata, anzi, nella gara del mattino lo staff tecnico ha dovuto anche fronteggiare l’uscita di Parrini per un problema muscolare alla schiena che lo ha tenuto fuori dal campo per l’intera giornata.

Questo ulteriore imprevisto non ha destabilizzato l’animo grintoso e caparbio di questo gruppo, impronta caratteristica del manager Barbieri, che ha risposto presente già dal primo inning con il fuoricampo di Cano.

Altri tre punti arrivano alla quarta ripresa con una serie di battute valide e proprio in quell’inning, dopo una battuta da due basi, Parrini dovrà lasciare il campo sulla successiva corsa a casa base.

Sul punteggio di 5 a 0 la Catalana trova una reazione e accorcia le distanze con una serie di battute profonde; sul punteggio di 6 a 5 per i Lancieri si arriva alla nona ed ultima ripresa.

L’attacco bianco/blu segna un altro punto importante ed il partente Perez chiude definitivamente le possibilità di recupero dei sardi con due strikeout; risultato finale 5 a 7 Lancers.

Ottima prova di tutta la squadra sia in fase offensiva che difensiva, da evidenziare il primo fuoricampo di Cano e Diaz con la maglia dei Lancers.

Gara 2 all'insegna dei giovani; in campo ben quattro atleti sotto la maggiore età; Menoni partente, Repetti dietro casa base, Pasquini al centro e Ferrini all’esterno destro.

Partita in grande equilibrio dominate dai pitcher e dalle difese, la Catalana trova il vantaggio alla quarta ripresa su un calo del partente lastrigiano; lo staff tecnico opta per un cambio mandando il veterano Nannucci sul monte.

Con un solo out e le basi piene la difesa completa un doppio gioco difensivo (alla fine saranno cinque totali) e chiudono la ripresa, nel frattempo anche Ortiz si infortuna ad una mano ed esce dal campo.

I Lancers cercano di reagire ma la fortuna non gira dalla loro parte, buoni contatti che però non portano a punti; all’ottavo la squadra sarda allunga con altri due punti sul rilievo Degl’Innocenti, si va all'ultimo attacco e quindi ultima possibilità di rimonta sul punteggio di 3 a 0.

Il rilievo catalano, dopo un out facile, perde la concentrazione e i battitori toscani sono abili nello sfruttare la situazione: alcune basi su ball, buone battute e qualche errore condannano la Catalana che subisce ben 10 punti; nell'ultima difesa si registra un ulteriore puntodei locali che rappresenta solamente una piccola sbavatura; risultato finale 4-10 Lancers.

In un momento di particolare bisogno sul finale di gara c’è stato anche il tempo di rivedere in campo Baratella; un segnale importante per lo staff tecnico e per la squadra che nell'ultimo periodo ha una lista infortunati troppo lunga.

Prossimo appuntamento fissato per domenica 5 Maggio sul Lancers Field contro i Thunders di Salerno.

Marcos Diaz con la nuova uniforme dei Lancers
La società Lancers Baseball Lastra a Signa è lieta di ufficializzare l'arrivo dell'atleta Marcos Diaz che andrà a rafforzare il parco degli interni ed il lineup della Serie B 2019.
 
Marcos è nato a Cuba, più precisamente a L'Avana capitale dell'isola caraibica, dove ha iniziato a giocare a baseball dall'età di 7 anni; a 13 anni la sua prima esperienza in Italia, durante il periodo di permanenza è sceso in campo con la maglia del Lucca. Interno giovane, classe 1996, può ricoprire tutti i ruoli del diamante con efficacia, è dotato di forza e velocità che gli permettono di poter spaziare in vari spot del lineup.
 
A distanza di cinque anni dalla sua prima volta, Diaz, torna definitivamente sulla penisola italiana e nel 2016 conquista la promozione in Serie B con la squadra lucchese; l'anno seguente, nella categoria superiore, Marcos chiuderà la stagione con ottimi numeri; nello specifico media battuta di .364, 32 valide colpite e ben 22 basi rubate.
 
Statistiche che gli varranno le attenzioni della Serie A1 lo scorso anno a Sesto Fiorentino, stagione 2018, dove Diaz a causa di un infortunio non trova la continuità necessaria che un impegno simile comporta ma chiude comunque l'esordio in massima serie con .146 di media battuta ed un eccellente media difensiva di .957 con soli due errori commessi.
 
Da subito Marcos ha mostrato entusiasmo per il progetto che la società Lancers BC, nella figura del DS Ciappi, gli ha presentato e per questo ha deciso di vestire la casacca bianco/blu con grande entusiasmo e con l'obiettivo di "dare il massimo per gli allenatori ed i compagni", le prime parole dello stesso giocatore cubano che si è già unito al gruppo.
 
È doveroso ringraziare la società Lucca Baseball & Softball per la collaborazione nel passaggio del giocatore per la stagione 2019. In arrivo altre notizie sul mercato e non solo, il mondo Lancers è sempre ricco di novità.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk