Due incontri dall'esito opposto quelli andati in scena allo stadio Gavagnin di Verona. La partita del pomeriggio ha restituito la peggior versione dell'Ecotherm, incapace di rendersi pericolosa per tutti i 9 inning disputati, mentre nella gara serale i leoni bresciani si sono riscattati con una buona prova collettiva che ha consentito di aggiudicarsi l'incontro.

In gara 1 Gorrin deve fare ancora i conti con l'assenza di Coletti e affida il ruolo di lanciatore partente a Federico Virgadaula. Il giovane pitcher bresciano ripaga la fiducia con un'ottima prestazione e lancia 6 riprese di qualità, mantenendo le mazze veronesi sotto controllo per più di metà incontro. Purtroppo Virgadaula non è però supportato dall'attacco, che soffre i lanci del partente scaligero Tebaldi (saranno solo 4 le valide dell'Ecotherm in gara1) capace di dominare senza affanno per 7 riprese.

La partita prosegue così veloce fino alla parte bassa del sesto, quando i padroni di casa spaccano la partita grazie ad un potente triplo di Castagna che svuota le basi. Alla fine del sesto il tabellone dice 4 a 0 per la squadra di casa ma gli ospiti accusano il colpo e concedono altri 4 punti al successivo attacco, non riuscendo di fatto mai ad impensierire la difesa veronese. Risultato finale: 8 a 0 per Verona.

Di tutt'altro tenore gara 2. Brescia dimostra da subito di avere un atteggiamento diverso e pur faticando e sprecando, lasciando parecchi uomini in base, riesce a costruire punto su punto un vantaggio che la porta all'ultima ripresa in vantaggio per 5 a 0.

Sugli scudi nell'attacco bresciano l'ottimo Vinetti, autore di una grande prestazione con 2 su 4 nel box (di cui un doppio), 1 punto segnato e 1 rbi.

Mentre l'attacco è riuscito a differenza del primo incontro a costruire punti, va dato anche enorme merito alla prova sul monte di Javier Fandino, che sopperisce ai problemi di lanciatori lanciando un epico complete game condito da 12 strikeout e solamente 6 valide concesse.

Solo un po’ di stanchezza e comprensibile calo nel finale consente a Verona di segnare il punto della bandiera, ma la difesa attenta dei leoni Bresciani chiude la partita con il punteggio di 5 a 1 e può festeggiare il ritorno alla vittoria.

Una Ecotherm dai due volti che ha dimostrato che se l'attitudine è quella giusta può fare risultato con chiunque, importante quindi evitare i cali di tensione e di concentrazione visti in gara 1 e che potrebbero compromettere la corsa al secondo posto, che in questo momento resta più viva che mai.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk