Nella giornata della mamma Ryu danza col no-hitter, ma ottiene "solamente" una vittoria arrivata con otto riprese shutout. Springer e Bregman si innalzano a veri protagonisti di giornata con due fuoricampo a testa ed un totale di 9 RBI nel blowout win degli Astros. Vittorie pesanti per Red Sox e Yankees, con questi ultimi che lasciano Tropicana Field con due vittorie su tre.

I Washington Nationals non riescono a stare al passo di un Ryu indiavolato, che cede la prima base su ball casalinga dopo oltre 60 riprese e che balla col no-hitter, perso solamente nel corso dell'ottavo inning, svanito con un doppio per regola di campo di Gerardo Parra. I Dodgers sono stati impietuosi ed hanno vinto per 6-0 con due out produttivi (Seager e Verdugo) tra secondo e quarto contro Strasburg, e poi grazie ad un grand slam di Corey Seager battuto nella parte bassa dell'ottavo. Bellinger completa un'altra grande prestazione con un 3-3, 2 punti segnati ed una base su ball guadagnata e riporta la sua media battuta sopra .400 (.407). Lo shutout è sparito nel quarto inning per colpa di Aguilar, ma almeno per Jon Lester non è stato un punto guadagnato (Schwarber aveva mancato la presa poco prima su una battuta di Yelich) ed abbassa la sua ERA a 1.16 guidando i Cubs verso un successo di fondamentale importanza contro i Milwaukee Brewers, per 4-1. I Cubs si erano gia fatti vedere nel primo inning, con un punto arrivato a seguito di un groundout di Contreras, poi riprendono la leadership dell'incontro nel quinto inning con un doppio di Javy Baez per chiudere di fatto lo scontro nel settimo, con l'ottavo fuoricampo di Kris Bryant, protagonista di un 3-4 (3 runs, 2 RBI).

VIDEO: IL GRAND SLAM DI SEAGER

Ma i veri protagonisti di giornata sono stati gli Astros, bravi a spazzare i Texas Rangers nella serie di quattro partite. La squadra di Houston ha demolito quella di Arlington, per 15-5, grazie ai fuoricampo doppi di George Springer ed Alex Bregman. Il primo è stato il vero mattatore di giornata con un 5-5 già al sesto inning, 5 punti segnati, 4 RBI ed il 29esimo leadoff homer in carriera. Bregman non è stato da meno, e davanti alla propria mamma (era in tribuna) ha battuto 3-5 con 5 RBI e due punti segnati. Grandi protagonisti anche Carlos Correa (3-3, R, RBI) e Tony Kemp (3-5, 3R, RBI). Gli Astros fanno debuttare dal primo inning il lanciatore Corbin Martin (5.1IP, 3H, 2ER, BB, 9K), selezionato con la scelta ricevuta dai Cardinals a seguito dello scandalo di spionaggio nei confronti degli Astros che nel 2016 ha coinvolto l'ex dirigente Chris Correa. Per Martin è arrivata anche la prima vittoria in MLB. Prima vittoria in MLB anche per Cole Irvin, fatto debuttare ieri dai Philadelphia Phillies, usciti vincitori per 6-1 dall'incontro di Kansas City contro i Royals. Irvin ha portato a casa anche la prima quality start, con una partenza nella quale ha dominato per 7 inning con 5 strikeout ed un solo punto su cinque valide ed una base su ball. I Royals hanno provato a spaventare gli ospiti nel terzo inning, con un RBI single di Alex Gordon, ma i Phillies rispondono alla grande nel quinto inning battendo tutti i punti della partita con Segura, Hoskins (walk a basi piene), Realmuto (doppio) e Odubel Herrera.

VIDEO: LA PRESTAZIONE DI GEORGE SPRINGER

VIDEO: 6 PUNTI NEL QUINTO INNING PER I PHILLIES

Sweep anche per i Boston Red Sox, che annichiliscono i Seattle Mariners con il risultato di 11-2. Ai M's non basta il vantaggio ottenuto nel primo inning contro Velazquez (sac fly di Encarnacion) perché i Red Sox hanno una reazione rabbiosa e segnano quattro punti tra primo e secondo inning con un fuoricampo di J. D. Martinez, un singolo di Chavis ed un paio di incertezze della difesa di Seattle. Nel quinto Narvaez batte un fuoricampo ma è l'ultimo sussulto Mariners che da qui alla fine della partita cedono altri sette punti su altre due valide di Chavis e su un altro fuoricampo di J. D. Martinez. Vittoria pesante anche per gli Yankees, che lasciano uno spento Tropicana Field con due vittorie su tre incontri. La squadra del Bronx archivia la serie con una vittoria per 7-1 ottenuta con una bella partenza di Masahiro Tanaka (1ER in 7IP e 7K) e gli RBI di Tauchman e LeMahieu, che costruiscono un risultato saldato da 4 punti segnati nel nono inning con un fuoricampo di Thairo Estrada, un doppio di Urshela ed una sac fly di Gardner. Per i Rays l'unico punto della partita arriva con l'ottavo homer stagionale di Austin Meadows. Snell cede solamente due punti in quasi sei riprese nel corso delle quali colleziona ben 12 strikeout.

VIDEO: J. D. MARTINEZ COLPISCE DUE FUORICAMPO

Solamente 10 giorni fa, i St. Louis Cardinals si trovavano al primo posto in MLB. Oggi, dopo una serie incredibile di sconfitte, la squadra del Missouri si vede relegata al quarto posto divisionale, a 3.5 partite dai Cubs, superati dai Pittsburgh Pirates, che vincono la terza partita consecutiva con il risultato di 10-6 ed in rimonta. I Cardinals infatti avevano chiuso le prime due riprese avanti 6-3 grazie ai fuoricampo di Goldschmidt e Martinez, ad un lancio pazzo di Steve Brault e ad un singolo di Jedd Gyorko. I Pirates suonano la carica a partire dal settimo inning con un fuoricampo da 3 punti di Josh Bell seguito dai doppi di Adam Frazier e Colin Moran. Giornata particolare per il ricevitore italo-venezuelano Francisco Cervelli, che chiude 3-4. Segnano 10 punti anche i Colorado Rockies, che sconfiggono i San Diego Madres per 10-7 con due fuoricampo di Charlie Blackmon, uno di Raimel Tapia ed un pinch-hit double a basi piene con protagonista Daniel Murphy, spedito poi a casa in un ricco settimo inning (da 5 punti) proprio dal fuoricampo di Tapia. Blackmon ha colpito i suoi due fuoricampo tra primo e quarto inning, contro Margevicius, dopo i primi due punti battuti a casa da McMahon (con un doppio) e da Tony Wolters. Gli ospiti non hanno mai mantenuto un vantaggio ma hanno concluso la partita con un big inning da quattro punti nel nono inning dove protagonista è stato un 3-run HR di Franmil Reyes.

VIDEO: 4-4, 5 RBI. LA PRESTAZIONE DI JOSH BELL

VIDEO: I DUE FUORICAMPO DI BLACKMON

Scintille durante e dopo la partita tra Puig e Bumgarner in Cincinnati Reds contro San Francisco Giants. I Reds sono andati in vantaggio per ben 3 volte, ma questo non è bastato perché i Giants davanti al proprio pubblico sono stati capaci di vincere per 6-5 con due punti segnati rispettivamente nel primo inning (fuoricampo di Sandoval), nel settimo inning (fuoricampo di Belt) e nell'ottavo inning (Williamson e Pillar). Nel primo i Reds avevano approfittato di un raro errore di Pillar per segnare due punti con una battuta di Suarez, poi, nel secondo, era Senzel a riconsegnare ai Reds il vantaggio. Nel sesto inning Puig batte il suo primo fuoricampo in carriera contro la nemesi Bumgarner. Tra i due non è mai corso buon sangue ed a fine partita il lanciatore commenterà: "È uno che impara in fretta, visto che ci ha messo sette anni per capire come colpire quel lancio (una two-seamer, ndr)". L'offensiva dei Reds prosegue con il nuovo vantaggio ottenuto nella parte alta dell'ottavo con un walk a basi piene di Barnhart, ma poi la squadra di David Bell non riesce più ad approfittare dell'opportunità e nel nono inning cade sul 1-2-3 inning di Smith.

Partita movimentata anche a Phoenix, dove gli Atlanta Braves evitano lo sweep vincendo per 5-3. Max Fried è protagonista di una discreta partenza (5IP, 3H, 7K) contro un attacco in forma e cede tre punti solamente nel quarto inning da un fuoricampo di Adam Jones e da un singolo con RBI di Kelly. Non è stato particolarmente grave, perché l'attacco Braves ha segnato 4 punti tra secondo e terzo con i singoli di Inciarte, Camargo e Flowers ed ha chiuso poi la partita nell'ottavo ancora con Flowers, autore questa volta di un triplo.

Vittorie tranquille per Orioles e White Sox, che superano Angels e Blue Jays con due 5-1. Gli Orioles ottengono una buona prova da John Means, che cede solamente un fuoricampo a Mike Trout, nel corso del terzo inning. Gli O's hanno battuto solamente fuoricampo: nel secondo inning con Chris Davis e Stevie Wilkinson, nella parte bassa del terzo con Dwight Smith Jr ed infine nel sesto inning con Pedro Severino. Aaron Sanchez controlla i White Sox per le prime tre riprese mentre i Blue Jays colpivano Giolito con un RBI single di Tellez nel primo inning. Poi però la partita cambia. Giolito inizia a dominare, mentre i Sox esplodono nel quinto inning con cinque punti, figli di due fuoricampo di Alonso (da due punti) e di Tim Anderson (da tre punti). Giolito dura fino al settimo inninng (4H, ER, BB, 8K) e conquista il quarto successo stagionale.

I Detroit Tigers di Nick Castellanos (3-4, R, 2RBI) fermano Martin Perez ed i Minnesota Twins, vincendo per 5-3. I Twins hanno provato la rimonta segnando tre punti nel settimo inning (HR Adrianza, RBI single Buxton e walk RBI di Marwin Gonzalez). I Tigers hanno goduto di due fuoricampo di Castellanos (da due punti) e Brandon Dixon (solo) tra primo e secondo inning, poi nel settimo hanno segnato altri due punti con una sac fly di Goodrum ed un singolo di Miguel Cabrera (2-3, RBI, BB). Ad approfittare della sconfitta dei Twins sono stati gli Indians, che si riportano sotto le cinque partite di distanza dai Twins evitando lo sweep ad Oakland, con una vittoria per 5-3. Se la squadra di Francona è stata capace di chiudere il dimenticabile road trip ad ovest è per merito di Roberto Perez, che nel terzo inning ha battuto un fuoricampo che ha rotto gli equilibri e consegnato al partente Jefry Rodriguez il primo successo stagionale. Gli Indians erano partiti bene nel primo inning con un doppio di Carlos Santana ed una volata di sacrificio del caldo Luplow, ma Rodriguez ha subito il ritorno dei californiani nel terzo inning, dove pareggiano con i singoli Profar e Piscotty. Gli A's rispondono a Perez con un fuoricampo di Olson, ma questa volta nulla possono contro i rilievi della tribù che in tre riprese subiscono solamente una valida (un 2-out single di Khris Davis).

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk