I Mariners raggiungono quota 17 (partite con fuoricampo), ma vengono fermati ancora da José Altuve. Sesto stop consecutivo per i Dodgers, che non sfruttano un Bellinger in grande forma. Si fermano anche i Rays mentre l'altra squadra della Florida, i Miami Marlins, asfaltano i Philadelphia Phillies con un Austin Dean in grande spolvero.

 

Felix Hernandez subisce due fuoricampo e per la seconda volta consecutiva i Seattle Mariners non riescono a recuperare, questa volta uno svantaggio minimo. Vincono gli Astros, per 3-1, guidati sapientemente da Justin Verlander (6IP, 2H, 11K) e da un bullpen quasi perfetto, e spinti dai fuoricampo di Robinson Chirinos e José Altuve. Il primo sblocca il risultato nel primo inning per l'1-0 raddoppiato poco dopo dal RBI single di Michael Brantley, il secondo batte fuoricampo per la quinta partita consecutiva, nel quinto attacco, diventando il primo Astro a riuscirci dal 2006. Nel quarto inning Mitch Haniger allunga la striscia di fuoricampo dei Mariners, ma non serve a molto.

VIDEO: IL FUORICAMPO DI ALTUVE

Bellinger batte il nono fuoricampo stagionale diventando il primo Dodger di sempre a guidare a casa 22 punti nelle prime 16 partite di stagione. Questo però non basta ai losangelini per interrompere il digiuno consecutivo di cinque partite, perché i Milwaukee Brewers, dopo lo sweep rimediato ad Anaheim, vincono a Dodger Stadium con il risultato di 4-1 grazie ai fuoricampo di Moustakas (2° inning) e Arcia (4° inning), che pareggia il totale di fuoricampo battuti lo scorso anno (3), e cotringono la squadra di Roberts alla sesta sconfitta di fila.

Niente vittoria questa volta per Snell ed i Rays. I Toronto Blue Jays si rianimano nell'ultima parte dell'incontro e riescono a spuntarla per 3-1. La partita è stata a lungo un pitching duel tra i due partenti (Snell e Buchholz), usciti entrambi dopo sei riprese. I Rays sono passati avanti per primi nell'ultimo inning di Buchholz, grazie ad un RBI single di Austin Meadows. Poi, uscito Snell, i Blue Jays, limitati fino ad allora ad una sola valida, riescono a spezzare l'incantesimo e con un doppio di Lourdes Gourriel segnano due punti. Nell'inning successivo Teoscar Hernandez guida a casa il terzo punto con Giles che riesce a conquistare una salvezza relativamente tranquilla.

Sorridono gli Yankees, che nella prima stagionale di Sabathia (5IP, H, 3K) riescono ad avere la meglio dei Chicago White Sox con un successo in shutout per 4-0. La vittoria la ottiene German (2IP, 4K), perché fino al sesto inning l'attacco di NY ha prodotto molto poco. Nel settimo invece gli Yanks segnano 3 punti con un RBI single di Voit e due battute di sacrificio di Higashioka (sac fly) e Tyler Wade (bunt). Nell'inning successivo il quarto punto, arrivato con il 4° fuoricampo di Aaron Judge. Britton e Chapman completano l'opera, limitando i White Sox ad una sola valida (singolo di José Rondon nel terzo inning). Perdono anche gli altri Sox, quelli rossi, per 9-5 in una giornata che segna finalmente il riscatto di Chris Davis. Dopo la storica striscia di 54 at bat consecutivi senza valide, Davis si sblocca nel primo inning contro Rick Porcello con una linea che vale un singolo e due punti. Davis batterà poi altre due valide per un totale di altri due RBI (3-5, 4RBI) e gioca dunque un ruolo da protagonista nella vittoria dei Baltimore Orioles. Davis ha portato gli O's in vantaggio in due occasioni. Prima nel primo inning, poi, dopo il pari di Vazquez (fuoricampo nel terzo), con un altro singolo da un punto nel quinto inning. Gli O's dilagano poi nel sesto con altri 4 punti (Renato Nunez, Ruiz e ancora Davis) con i Red Sox che provano timidamente la rimonta con Moreland ed ancora Vazquez (doppio da due punti), ma senza riuscirci.

VIDEO: CHRIS DAVIS SI SBLOCCA ALLA GRANDE

I Cubs segnano tre punti nelle ultime due riprese, rovinando lo score perfetto di Cody Allen, ma a vincere sono sempre i Los Angeles Angels che, sempre privi di Trout, chiudono la partita con un successo per 6-5 con 3 punti segnati nel secondo (singoli di Fletcher e Cozart, poi doppio gioco in battuta del lanciatore Stratton), 2 punti arrivati nel sesto con walk di Pujols e Calhoun e la decisiva sac fly sempre di Calhoun, nell'ottavo inning, ripresa nella quale i Cubs segnano due punti con un singolo di Zagunis.

A Monterrey, in uno stadio esaurito, vincono i Cincinnati Reds per 5-2 contro i St. Louis Cardinals. Più forte il monte Reds. Bene anche Wainwright, tuttavia non supportato adeguatamente dall'attacco se pensiamo che dei due punti segnati dalla sua squadra uno è stato fabbricato da lui nel secondo inning, un 2-out single che ha regalato ai Cardinals il vantaggio, durato fino al sesto inning. I Reds poi pareggiano con un fuoricampo di Winker e nell'inning seguente colpiscono nuovamente uno stanco Waino con un altro homer, di Dietrich. Cincinnati allunga poi nell'ottavo con Schebler ed un triplo di Dietrich, mentre nel nono un fuoricampo di Wong rende meno amara la giornata dei tifosi di St. Louis. Perde, invece, l'altra squadra dell'Ohio, i Cleveland Indians, sconfitti a Kansas City dal 3-0 dei Royals. L'attacco di Francona batte solamente due valide (peraltro con l'ottavo in battuta Brad Miller), arrestato da una dominante prestazione di Homer Bailey (7IP, 6K). I Royals segnano con i singoli di Mondesi (3° inning) e Merrifield (7° inning) e con un fuoricampo di Ryan O'Hearn (4°).

Ad approfittare della sconfitta degli Indians sono i Minnesota Twins, che vincono di misura per 4-3 contro i Detroit Tigers a Target Field. Decisivo, ai fini del risultato finale, il big inning avuto nella parta bassa del terzo inning grazie ai singoli di Buxton e Rosario (da due punti) e la sac fly di Jorge Polanco. Per i Tigers, che nel terzo inning invece si erano portati in vantaggio con Harrison e Candelario, nel sesto inning arriva il terzo fuoricampo stagionale di Christin Stewart.

Due fuoricampo in back-to-back nell'ottavo inning di Adam Eaton e Howie Kendrick permettono ai Washington Nationals di sconfiggere i Pittsburgh Pirates per 3-2. Anibal Sanchez e Chris Archer allietano il pubblico con due belle prestazioni. L'ex Rays ha lanciato per 7 riprese con 9 strikeout e fino all'ottavo inning è stato il lanciatore vincente grazie ai punti battuti da Colin Moran nel quarto inning e da Melky Cabrera nel sesto con un fuoricampo.

VIDEO:BACK-TO-BACK EATON-KENDRICK

Ad Atlanta, nel successo dei Braves per 11-7 contro i New York Mets, Nick Markakis (nel 4° inning) e Josh Donaldson (7° inning) battono i loro primi fuoricampo stagionale. Ma a fare la notizia sono invece le due partenze corte di Sean Newcomb e Jason Vargas e i due big inning, nel primo e secondo inning, con i quali gli Atlanta Braves hanno preparato il terreno al loro ottavo successo stagionale. Jason Vargas affronta sei battitori, ma ne elimina soltanto uno (Freeman) e lascia le basi piene ed i Braves già avanti per 2-0 (con i walk di Markakis e Swanson). Il suo sostituto, Oswalt, non ferma Camargo, che batte altri due punti con un singolo. Nella parte alta del secondo a Sean Newcomb succede più o meno la stessa cosa. L'ex prospetto Angels viene rilevato dopo sei battitori affrontati ed una eliminazione (sac fly del lanciatore Oswalt) con i Mets che ne approfittano segnando a loro volta 4 punti con un doppio di Lagares ed un singolo di McNeil. Al cambio campo però Oswalt cede due doppi (Donaldson e Markakis) ed un singolo (Acuña Jr), con i Braves che segnano il quarto punto dell'inning sfruttando un groundout di Swanson. La squadra di casa allunga poi ulteriormente (oltre che con i fuoricampo di Markakis e Donaldson, anche con un singolo di Swanson nel sesto) mentre i Mets tornano ad attraversare casa base soltanto nelle ultime due riprese, con una battuta su scelta difesa di Amed Rosario ed un singolo da due punti di Brandon Nimmo.

I Philadelphia Phillies lasciano la scena ai Marlins di un dominante Caleb Smith (6IP, H, 3BB, 6K) e segnano solamente tre punti nel nono inning con Odubel Herrera e Nick Williams. I Marlins invece segnano 10 punti grazie ad una grande prestazione di Austin Dean che nel terzo inning batte un fuoricampo da due punti, poi altre tre valide per un totale di 4-4 con 5 RBI, il più giovane Marlins a farcela da Miguel Cabrera, nel 2005. Protagonisti per i Marlins anche Rojas (3-3 con RBI), Brian Anderson (3-5 con RBI e fuoricampo) e Neil Walker (2-5, fuoricampo e RBI).

VIDEO: LA PRESTAZIONE DI AUSTIN DEAN

Quattro punti nel sesto inning non sono sufficienti agli Arizona Diamondbacks che si arrendono ai Padres per 5-4. I californiani puntellano così il primo posto divisionale grazie ad un altro fuoricampo di Fernando Tatis Jr, che nel terzo inning portava i Padres sul 4-0. Dopo il pareggio dei serpenti, grazie agli RBI di Ahmed, Kelly, Vargas e Jones, è un fuoricampo di Franmil Reyes a regalare ai Padres l'undicesima vittoria su sedici incontri.

Dopo le 18 riprese della notte tra venerdì e sabato, i San Francisco Giants sconfiggono ancora i Colorado Rockies e lo fanno per 5-2. La squadra di Bochy non dimostra alcuna stanchezza e passa avanti nel terzo inning con una sac fly di Pillar ed un doppio di Posey. Pillar nuovamente protagonista nel quinto con il suo quarto fuoricampo della stagione. I Rox provano a rifarsi sotto tra sesto e settimo con un doppio di Hampson ed un fuoricampo di Reynolds, ma due volate di sacrificio di Parra e Dugger chiudono la partita per i Giants che festeggiano la terza vittoria di fila.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk