Jacob deGrom si ferma a 26 quality starts consecutive, colpito duramente da degli audaci Minnesota Twins che collezionano ben 6 fuoricampo. Tanti fuoricampo anche a Philadelphia, dove i Nationals rimontano Bryce Harper e compagni, a Detroit, dove gli Indians prendono la leadership della AL Central division, ad Anaheim ed a Cincinnati, dove Angels e Reds battono Brewers e Marlins.

 

Bryce Harper batte un fuoricampo contro il suo ex compagno di squadra Stephan Strasburg (per la cronaca, è la prima volta di un fuoricampo con protagonisti due ex prime scelte al draft) ma non basta ai Philadelphia Phillies. I Washington Nationals si dimostrano più organizzati e vincono al primo extra inning con il risultato di 10-6. I capitolini aprono l'incontro con un punto su sac fly di Rendon. Strasburg però tiene bene solo due riprese, perché tra terzo e quarto è vittima di due fuoricampo (Franco e Harper) e un triplo (Segura), battute che permettono ai Phillies di segnare sei punti. La partita comunque è lontana dall'essere compromessa per i Nationals che pian piano rialzano la testa prima con un doppio di Rendon, poi con i fuoricampo di Yan Gomes, Kendrick e soprattutto di Victor Robles, al nono inning, per il 6-6. I padroni di casa perdono completamente le speranze nel decimo, quando Juan Soto mandava in orbita un fuoricampo da tre punti seguito più tardi da un RBI double di Victor Robles. I Nats mantengono la saracinesca abbassata con Sean Doolittle, che trova la terza vittoria in stagione.

VIDEO: JUAN SOTO REGALA IL VANTAGGIO AI NATIONALS

Finale con thrilling anche a Phoenix, dove i Diamondbacks vincono per 5-4 grazie ad un pinch-hit, walk-off home run di... Jarrod Dyson. Greinke è partito male, incassando 4 punti nei primi due inning dai Texas Rangers, arrivati a casa con i provvidenziali Andrus e Mazara, ma poi si riprende e lavora bene fino alla fine del sesto. Molto bene anche il suo rivale Mike Minor, che permette ai desertici solamente due punti (su due fuoricampo, John Ryan Murphy e Nick Ahmed). Minor scende dal monte a fine settimo inning e le cose per i texani si mettono male nel nono dove Leclerc non è in giornata: prima incassa un RBI double da Escobar, poi il decisivo homer da Dyson.

VIDEO: IL WALK-OFF HOME RUN DI JARROD DYSON

Si ferma a 26 partenze consecutive la striscia record di Jacob deGrom, interrotta da un attacco dei Minnesota Twins che colpisce ben sei fuoricampo nella vittoria per 14-8. deGrom resiste solamente per quattro riprese, nelle quali cede sei punti su tre fuoricampo (Mitch Garver, x2; Eddie Rosario), un lancio pazzo ed un singolo di Kepler mentre i Mets, tra secondo e terzo, raccoglievano i punti con Amed Rosario e con i fuoricampo di Nimmo e Conforto contro Kyle Gibson, uscito con due eliminazioni in più rispetto a deGrom. Nella parte centrale il bullpen dei Twins fa un ottimo lavoro di contenimento, mentre l'attacco batte un altro fuoricampo (Schoop, il primo di giornata), seguito da quello di Peter Alonso per i Mets nella parte bassa del settimo. Completano l'opera altri fuoricampo con Polanco e nuovamente Schoop, imitato poco dopo da Peter Alonso, che inaugura un inning da quattro punti. Tanti fuoricampo, quattro, anche per gli Indians a Detroit, dove la squadra di Francona, nonostante la brutta notizia ricevuta da Clevinger (fuori almeno per 2 mesi) conquista il primo posto divisionale battendo i Tigers per 8-2. Si comincia nel primo inning, dopo due lanci, con il felice ritorno a Comerica Park di Leonys Martin, che batte il suo primo fuoricampo. Poi i Tigers pareggiano immediatamente ringraziando un errore di Stamets, che rischia di mettere in crisi Corey Kluber (6IP, 2R/ER, 8K, BB). Dal secondo inning è però tutta una musica diversa. Brad Miller (secondo inning), Roberto Perez (quinto inning) e Jake Bauers (sesto inning) si uniscono a Martin con i primi fuoricampo della stagione mentre nel mezzo c'è una sac fly di Eric Stamets e, per i Tigers, un lungo doppio di Miguel Cabrera finito ai piedi del muro dell'esterno centro. A completare il quadro dei punti è il little league homer di Stamets, grazie ad una palla lisciata da Mikie Mahtook.

Vittorie in shutout per Cincinnati Reds e St. Louis Cardinals. I primi scacciano la crisi con un roboante 14-0 contro i Miami Marlins dove a farla da padrona sono stati i fuoricampo (prima Winker, nel quarto inning, poi back-to-back-to-back di Kemp, Suarez e Schebler per un big inning da 7 punti, e quinto homer della partita nel settimo battuto da Kyle Farmer) e le prestazioni di Luis Castillo e Michael Lorenzen; i secondi vincono per 4-0 frenando ancora l'attacco dei Dodgers. Protagonisti Yadier Molina (3 RBI) e Paul Goldschmidt (sesto fuoricampo stagionale).

VIDEO: BACK-TO-BACK-TO-BACK

Ad Angel Stadium i Los Angeles Angels hanno ancora la meglio dei Milwaukee Brewers vincendo per 11-8. La squadra di Brad Ausmus perde per strada Mike Trout (problema inguinale), ma non ne soffre abbastanza grazie anche ai 6 punti segnati nel primo inning contro l'incostante Freddy Peralta, dove protagonisti sono stati Albert Pujols, Brian Goodwin, Jonathan Lucroy e Tommy La Stella con il primo di due fuoricampo. Nel giro di pochi inning però i Brewers si riavvicinano pericolosamente agli Angels colpendo duramente Matt Harvey con Gamel, Perez, Cain ed un fuoricampo di Grandal, ma La Stella è nei paraggi e riporta gli Angels sul +2. Margine che però non dura a lungo, perché nella parte alta del quinto i Brewers prima pareggiano con Moustakas, poi vanno avanti nuovamente con un fuoricampo di Grandal. Gli halos però sono duri a morire e con l'ex Lucroy, Simmons ed un RBI di Pujols riprendono in mano la partita permettendo a Cody Allen di convertire la terza salvezza stagionale.

I Boston Red Sox falliscono l'home opener perdendo per 7-5 ai danni dei Toronto Blue Jays che hanno la meglio di un Chris Sale ancora in crisi d'identità. Il fuoriclasse mancino della rotazione di Alex Cora continua il suo difficile inizio di stagione con una vistosa diminuzione di velocità ed un comando sempre da rivedere. L'ex White Sox è rimasto sul monte solamente per 4 riprese, nel corso delle quali ha concesso cinque punti e messo a segno soltanto 3 strikeout. Stessa cosa non si può dire invece di Matt Shoemaker, il quale ha tenuto molto bene il monte di lancio avvicinandosi ad una quality start. I Sox hanno colpito per primi (fuoricampo di Moreland e RBI di Pedroia), ma Galvis e Teo Hernandez hanno rapidamente pareggiato la partita. Nel quarto inning show di Lourdes Gourriel (RBI single, poi ruba casa base). La risposta dei padroni di casa arriva con un fuoricampo di Betts ed un errore di Hernandez che porta al punto di Bogaerts, ma i canadesi mantengono la calma ed approfittano di Grichuk e Galvis per garantire un buon vantaggio a Ken Giles. Se Atene piange, Sparta non ride. Gli Yankees cadono ancora una volta a Houston, dove vengono sconfitti dagli Astros per 6-3. Decisivi ancora una volta i problemi del bullpen, con Holder che subisce il doppio del pareggio da Brantley, e Chad Green che invece nell'ottavo inning incassa 3 punti da un doppio di Springer e da una sac fly di Altuve.

VIDEO: LOURDES GURRIEL RUBA CASA BASE

Yoan Moncada continua a far ricredere gli scettici, ma non basta per evitare ai White Sox la settima sconfitta in dieci partite. Fermare i Tampa Bay Rays, in questo inizio di stagione, è impresa impossibile, dal momento che la squadra di Kevin Cash ha perso solamente 3 partite su 12 e regna incontrastata con 3.5 partite di vantaggio su Yankees e Orioles. Il fuoricampo di Moncada è arrivato nella parte bassa del terzo. Prima di allora, i Rays avevano già segnato 5 punti (con i fuoricampo di Avisail Garcia, Meadows e Brandon Lowe) e ne avrebbero segnati altrettanti prima della fine della partita (finale di 10-5) con un doppio (Adames), due singoli (Meadows, Kiermaier) ed una camminata a basi piene (Meadows). A proposito di squadre impossibili da fermare: i Seattle Mariners approfittano dei deboli Kansas City Royals per portarsi a 11-2 in stagione grazie al successo per 6-3 dove l'attacco continua la striscia di fuoricampo in partite consecutive con Jay Bruce (adesso nuovo leader American League con 7 "pepitoni") che si fa vedere già dal primo inning. I Royals tengono duro fino al primo terzo grazie ad Adalberto Mondesi Jr, poi spariscono lasciando il campo ai M's che regalano a Marco Gonzales il quarto successo in stagione.

VIDEO: BRUCE DIVENTA LEADER DI FUORICAMPO

Successi esterni per Oakland Athletics e Atlanta Braves. I californiani seppelliscono i Baltimore Orioles per 13-2 grazie ai fuoricampo di Semien e Profar e ad un totale di 14 valide (altra assistenza dall'esterno centro per Ramon Laureano mentre Brandon Hyde concede a Chris Davis una giornata di riposo), la metà delle quali battute proprio da Profar (4-5 con 3 RBI) e Pinder (3-4); i Braves invece superano i Colorado Rockies per 7-1. I Rox battono l'unico punto nel quarto inning (RBI single di Desmond) soffrendo in modo particolare Max Fried ed il bullpen di Atlanta. L'attacco di Snitker non ha avuto invece pietà di German Marquez, ed ha gioito dei fuoricampo di Ronald Acuña e Dansby Swanson.

Ai San Francisco Giants basta un secondo inning da sei punti per avere la meglio dei Padres, battuti per 7-2. Per la seconda notte consecutiva Kevin Pillar pulisce le basi piene, questa volta non con un grand slam, ma con un doppio da tre punti che arriva dopo i punti battuti a casa da Longoria e Solarte (ex della partita) e prima del singolo di Tyler Austin, nuovo arrivato. Nel quarto inning torna nuovamente protagonista Pillar per il suo quarto RBI della partita arrivato con una sac fly. I Padres riescono a rialzarsi solamente verso fine partita con un fuoricampo di Hunter Renfroe (7° inning) ed un doppio di Wil Myers nell'ottavo attacco.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk